lunedì

COME I GIORNALISTI DI REGIME PROTEGGONO IL POTERE DEI BANCHIERI.

Personaggi che molti considerano "obiettivi" in realtà concorrono a proteggere il potere stegocratico, non parlando mai di argomenti che smascherano l'usurpazione del potere dei popoli da parte di pochi, e deridendo (o etichettando) chi lo fa. Questo video è soltanto un esempio di come ciò avviene.

23 commenti:

Arthur ha detto...

Questo è un pò vecchio (Gennaio 2008) Travaglio si è poi pronunciato in maniera diversa ( http://quadernodegliappunti.blogspot.com/2008/06/travaglio-parla-di-signoraggio.html )
Io credo che non ne sapesse davvero una mazza, e che andasse avanti con le sue inchieste noncurante dei sistemi finanziari mondiali. Non gli faceva onore.

Andrea ha detto...

Ci sono da fare alcune considerazioni:
1. Il video mostra solo un petulante che farebbe uscire dai gangheri chiunque. Non mi piace questo modo di fare. Ognuno dovrebbe essere libero di fare una domanda a un personaggio pubblico, ma non può pretendere che la risposta sia quella che dice lui. Fai la domanda, ascolti la risposta, se vuoi controbatti, ma poi vai via e non rompi le scatole.
2. Travaglio è essenzialmente un cronista giudiziario, e non si può pretendere che debordi a comando in ogni campo dello scibile umano. Sarebbe bene che approfondisse certi temi, magari lo farà in futuro, se io avessi l’opportunità di parlargli glielo chiederei, certo non lo indispettirei come fa quel fastidioso tizio.
3. Personalmente ritengo quella di Travaglio una carenza importante, ma da qui a dire che Travaglio è un giornalista venduto alle elites finanziarie ce ne passa. Per fare affermazioni personali tanto gravi ci vogliono le prove. Si commenta e si fa la critica a quello che uno dice, non a quello che non dice o potrebbe dire ma non ha detto o che non può non conoscere ecc ecc.

Antonella Randazzo ha detto...

Ogni persona è libera di pensarla come desidera.
A mio avviso, se credete che Travaglio sia un ingenuo che non conosce la questione del signoraggio e dunque per questo non ne parla, allora forse potreste anche credere che gli asini volino.
Se Travaglio parlasse o solo accennasse in Tv della questione del signoraggio o alla vera situazione in Medio Oriente, o ad altre questioni (vedi articolo http://antonellarandazzo.blogspot.com/2008/08/insospettabili-gatekeepers.html) allora istantaneamente perderebbe ogni possibilità di lavorare ancora in Rai. Per questo egli si guarda bene dal farlo.
Questa è la verità, ma se volete vedere qualcosa di diverso perché magari è un personaggio simpatico o perché dice molte cose vere sui politici o imprenditori italiani, siete liberi di farlo.

Dario ha detto...

Ciao Antonella, innanzitutto grazie per i tuoi scritti, chiari a tal punto da essere sempre... parecchio illuminanti!.
Detto ciò (ci voleva), intendo fare alcune considerazioni sulla questione "Travaglio Giornalista di Regime".
Può essere.
Ma a questo punto chi non lo è?
Su un blog fino a pochi giorni fa c'era un bell'articolo (bellissimo!) sul terrorismo, di una certa A.R. ;-) ... ora l'articolo, che avrebbe dovuto rimanere li a urlare ancora per diversi giorni (mesi?), è stato spostato in seconda pagina: al suo posto, in prima pagina, c'e' un articolo che insinua senza prove certe o citazioni multiple (come la A.R. fa di solito) che il giornalista M.T. è un gatekeeper. Può essere. Non lo voglio difendere.
Ma allora anche la A.R. è una gatekeeper, che leva dal blog notizie importanti e le sostituisce con altre un pelino più futili.
Mica per questo definisco la A.R. come gatekeeper! (o dovrei?), che vuole nascondere le vere notizie!
Se travaglio, come dici tu "... dice molte cose vere sui politici o imprenditori italiani" va bene così, lui ci racconta quello, tu, cara A.R. ci racconti altro. Lui ci mette in guardia da quei malandrini, e tu ci avvisi che il terrorista in fondo non è che un patriota che tenta di difende il suo "territorio" (se ho capito bene).
Lui non ci parla mai di signoraggio e poco di finanza, e tu non ci racconti molto, che ne so, sulle scie chimiche o sui processi di Mr B.
Va bene così. Grazie. Grazie a entrambi.
Non siamo stupidi, sappiamo scernere.
Vorrà dire che prenderemo un po da lui e un po da te.
Insinuare che una persona sia gatekeeper fa diventare chi lo insinua un gatekeeper.

Ma io credo che ne lui ne tu siate dei GP, è una questione di fiducia (che ho deciso di accordarvi) e di consapevolezza che state facendo tutto questo (informare) perché avete trovato e state seguendo la vostra "leggenda personale". E se non è così ... pazienza, mi avete fregato.

E poi scusa: che avresti fatto se mentre presentavi il tuo bel libro "L'Africa del Duce" avessi avuto un tizio che di continuo ti assillava con domande su argomenti che conosci ma che non hai mai approfondito più di tanto on non sono di tuo diretto interesse? gli avresti probabilmente detto "non conosco (quindi non tratto) questo argomento" oppure "parliamone in un altro momento", "per favore lasciami lavorare". E poi avresti pensato: "Ma perdinci! potrò parlare degli argomenti che voglio io? o mi devono anche dire di cosa devo parlare?!?".

Vabbè... adesso me ne vò a nanna.

Ciao, e continua così, mi piace leggerti.

Dario.

Antonella Randazzo ha detto...

Appunto, non siete affatto stupidi, valutate da soli.
Ma fatelo senza credere pari pari a quello che dice Travaglio (così come non sarebbe giusto credere a tutto quello che dico io senza verificarlo): è ovvio che lui debba giustificare le sue "dimenticanze".

Antonella Randazzo ha detto...

Ad un gruppo di fans sfegatati di Travaglio: smettete di scrivermi post pieni di minacce e insulti, non avete capito che su di me le minacce non fanno presa?
E poi che esempio date nel difendere uno che si è fatto paladino della "libera" informazione usando le stesse tecniche del regime?
Comportandovi in questo modo non fate altro che confermare la malafede del vostro idolo.

PincoRamone ha detto...

Grazie Antonella. Anch'io sto personalmente cercando di convincere quanta più gente possibile che di Travaglio non c'è da fidarsi, che il sistema è omni-pervasivo e che ormai il solo fatto di parlare in quel modo in televisione è segno che si fanno gli interessi di qualche 'potere occulto'. Io credo che gli obiettivi di Travaglio siano gli stessi che da sempre sono portati avanti dai 'colonizzatori', gettare discredito sulle istituzioni italiane, ridicolizzare i costumi degli italiani, al contempo mantenendoli 'da una parte' stigmatizzando tutto il 'male' dall'altra. Non è un caso che quegli stessi 'poteri occulti' hanno sostenuto, alle ultime elezioni in Italia, la cosiddetta 'sinistra'.

La reazione scomposta dei Travagliati è invece di matrice 'psicologica'. L'elettore di 'sinistra', il lettore di Repubblica, lo spettatore di santoro, crede di essere 'più informato', in qualche modo ha l'illusione di essere più 'giusto'.
Smontare queste convinzioni (fideistiche) vuol dire costringerli ad un ripensamento, ad un 'bagno di umiltà'. Questo gli è particolarmente difficile, soprattutto da quando il pensiero 'de sinistra' si è trasformato in una saccenza borghese ed elitaria.
Grazie ancora.

Alberto ha detto...

A me pare che ci siano tante forme di marketing, e il travaglismo è una di queste, anche istruttiva e divertente per certi versi, ma non sottovalutiamo la potenza del marketing e soprattutto chiediamoci sempre "a chi giova?"
Non sto dicendo che il personaggio sia di per sè diabolico, responsabile unico di un sottile piano di persuasione occulta, e poi ognuno tira l'acqua al suo mulino, è "naturale".
Meno naturale è che questo mulino stia nell'ombra, non evidente, e che l'acqua del sistema vi confluisca abbondante e spontanea, come si dice "piove sempre sul bagnato".
Travaglio, Di Pietro, Gomez, uno strano trio di successo che tira a destra con metodi di sinistra, approfittando del vuoto. Ma è già una chiave di lettura retrò, pensare al ruolo della casta è già più chiaro.
Alberto

Winona. ha detto...

Sono pienamente d'accordo.
Ho visto tuttoi i video nei quali Travaglio è interpellato riguardo il signoraggio, e senza sollevare per forza la questione che egli sia massone - ma le persone intelligenti nulla escludono a priori ovviamente - appare chiarissimo che egli sia fintamente disinformato. In fondo bastano un paio di click su internet per capire di cosa si tratti. Travaglio è stipendiato in RAI, ma a voi piace pensare che lui sia il portatore della verità. Per lui cose come il trattato di Lisbona, gli Skull and Bones e il signoraggio, sono tematiche da deridere, giacchè l'unico problema è la casta e tutto ciò che è scritto nei SUOI libri, i quali devete comprare.
Fra l'altro si contraddice anche per il fatto di appogiare e stimare Grillo che queste questioni le ha sollevate per primo! per poi vendersi, presumibilmente, e quasi rinnegarle.
Smettetela di cercare gli eroi a tutti i costi, il preconcetto è neico del vero.
Saluti.

georges ha detto...

Non sono un fans di Travaglio. Anzi mi sta antipatico.
Devo dire però che dobbiamo fare attenzione ad accusare le mancanze altrui.
Se la vediamo dal punto delle mancanze, manca proprio un personaggio che affronti tutte le follie della nostra società.
Chi affronta tutti gli argomenti caldi?
1) Le lobbies di potere
2) signoraggio
3) Inganno Democratico
4) Nuovo ordine mondiale
5) Distruzione globale di risorse nel nome di un vuoto consumismo
5) Nostra totale dipendenza da questo stato di cose e impotenza

Sono troppi gli argomenti. D'altra parte quando tutto è marcio si fa fatica a evidenziarlo tutto.
Vero è, però, che se parli di tutte queste cose, in RAI non ci vai.

Un cosa sola sul signoraggio: è un pò difficile da comprendere bene.
L'idea che mi sono fatto io è che signoraggio e attuale sistema economico vanno insieme. Probabilmente non è possibile scinderli. Boh,....

Roberto ha detto...

Sarà quel che sarà, ma anche nel passaparola del 22 settembre scorso Travaglio parlando di Olmert in riferimento al solito Berlusconi ha ripetuto tutte le solite litanie con le quali la propaganda sionista ci ammorba quotidianamente.

Israele la grande democrazia (a Gaza la stanno verificando), Israele vittima minacciata (300 ordigni nucleari illegali) ecc. ecc.
Ora uno non vuole insinuare niente, ma le domande se le pone.

Com'è possibile che uno così talentuoso da conoscere e scoprire ogni minima magagna che si riferisca a Berlusconi e alla sua ghenga di mascalzoni, sia al contempo così disinformato su fatti gravi ed importanti come la situazione mediorentale?

Secondo uno dei suoi ultimi scritti sull'Unità poi afferma:

“(Berlusconi) esalta le virtù democratiche dell’amico Vladimir nel senso di Putin, massacratore di ceceni e di georgiani, giustificando con false versioni l’illegale invasione russa della Georgia”

Cioè questo qui non sa neppure che cosa è successo in Georgia? Ma chi vuole prendere in giro?

In realtà Travaglio rappresenta la pura opposizione antiberlusconiana e non antisistema. Lui sarà senz'altro favorevole alla base di Vicenza, alla TAV, agli inceneritori, per lui gli Stati Uniti esportano la democrazia e l'11 settembre quattro beduini armati di coltellini di plastica hanno combinato tutto quel putiferio.

Auguri a chi gli crede.

zeno ha detto...

ciao a tutti.
io sono quello che è andato a rompere i coglioni a travaglio.
grazie antonella per questo post.
il video su youtube non è intero, il video intero dura 17 minuti.
nel montaggio ho inserito solo le parti in cui "attacco" travaglio e quindi posso sembrare ancora più insistente di come lo sono stato in realtà.
vi assicuro che le mie intenzioni erano relativamente tranquille.
travaglio però ha da subito assunto un atteggiamento che mi ha infastidito ed avete potuto vederne le conseguenze.
evito di dire la mia sulla questione perchè potrei essere di parte.
vi invito solo a vedere il video che ho fatto quando ho di nuovo incontrato travaglio:
parte1: http://it.youtube.com/watch?v=Lcc1gmrXD94
parte2: http://it.youtube.com/watch?v=gvW5wDsWCBc&watch_response
a voi le conclusioni..
saluti
daniele

Arthur ha detto...

Bene, a dirla tutta credo che Travaglio quando rilasciò quell'intervista non ne avesse proprio idea di cosa dire, o meglio sapeva cosa era il Signoraggio ma non sapeva come affrontare l'argomento perchè non era così che era abituato a ragionare.

Io credo che Travaglio fosse davvero ingenuo, come per certi versi lo era anche Montanelli, non voleva entrare in discorsi troppo legati all'economia del quale non ci capiva molto, Montanelli stesso lo ammise.

Adesso probabilmente dopo la valanga di e-mail, e commenti sul sito di Beppe Grillo, si sarà preso il suo tempo per farsi spiegare per filo e per segno la situazione.
Solo che, evidentemente non sa nemmeno lui cosa dire e va avanti a fare quel che ha sempre fatto facendo finta di niente, magari adesso riderà un pò meno quando gli faranno altre domande in merito.

Comunque Gate-keeper o no, mi pare che oramai la verità su certe questioni si stia diffondendo a macchia d'olio, e questo anche per merito suo (Cioè tuo, Antonella).

Arthur ha detto...

Mi si è cancellato il commento.

Travaglio non capiva la questione era troppo impegnato in altro, così come Montanelli ha sempre preferito evitare le questioni economiche, egli stesso dirà che non era in grado.
In effetti il ragionamento che chi stampa i soldi è il padrone dell'economia non è poi tanto difficile da capire, quante volte me lo sono chiesto io anche a scuola, solo che mi hanno sempre risposto che ci sono analisi economiche troppo complicate da capire, e ti davano da intendere che ad alti livelli le persone non fossero nemmeno interessate ai soldi ma piuttosto a fare girare bene l'economia ed un paese.

Travaglio adesso probabilmente lo ha capito che la questione è seria, e che effettivamente l'Elite finanziaria che domina ha agito in modo molto discutibile, solo che non sa cosa dire e cerca di fare del suo meglio all'interno dello Stato.

Comunque Gate-keeper o no, la verità viene oramai a galla (ed anche per merito tuo, Antonella)

dmonax ha detto...

Salve,

Volevo ricordare ai poveri illusi che difendono "Travaglino" che sulla questione signoraggio gli furono rivolte domande in passato e lui promise di informarsi... tutto documetnato su youtube per chi vuole indagare...

Inoltre nel 1994 ci fu la famosa denuncia penale del nostro Giacinto Auriti nei confronti della Banca di Italia, ovvero contro Ciampi e Fazio, e uno che si interessa di azioni giudiziarie come "Travaglino" non può non conoscere questo fatto! Vuol dire rendere inutile la propria esistenza come giornalista di atti giudiziari.

Sputtaniamo questi guru amici dei banchieri, Crillo e Travaglino, che mi fanno così schifo da non poterne più scrivere il nome.... Bleah!

Un saluto
Damiano

Eliolibre ha detto...

Giusto Antonella, attenti agli idoli, finiscono sempre per portarci fuori strada. Hai ragione ad invitare a prenderde da Travaglio quello che di buono dice Travaglio e da te quello di buono che dici tu, che a me sembra tantissimo.
Quanto alle minacce ad agli insulti, è una pratica che dilaga nell'anonimato di internet. Fai bene a non pubblicarli. Io mi limito a pubblicarne qualcuno ogni tanto per evidenziare l'arroganza e la pochezza di coloro che non hanno idee ed hanno bisogno di capipolo da difendere a spada tratta.

Antonella Randazzo ha detto...

Grazie a tutti per i commenti, e un ringraziamento particolare a Zeno per i video.

Pensate che oramai sono anni che denuncio le magagne delle autorità occidentali e non mi era mai capitato di ricevere così tante minacce e insulti come avviene da quando ho osato "toccare" gli intoccabili Grillo e Travaglio.
Mi chiedo: se i loro fans sono così sicuri della loro buona fede come mai hanno tutta questa esigenza di minacciare e insultare?
Confesso che mi è venuto il dubbio che le persone che hanno scritto minacce (poche in verità) siano pagate o appartengano al loro staff.

rocco ha detto...

Travaglio come altri prima di Lui esposti pubblicamente hanno paura.
Subentra poi una convenienza che gli permette di essere etichettato come il bacchettatore per antonomasia della politica ma in particolare di Berlusconi ed affini e di far soldi per questo. Nonostante cerchi di rimanere ai margini del problema principale da cui dipende un'intero pianeta o gran parte di esso, non riuscirà a tenersi fuori per molto tempo ancora anche perchè il peggio è da venire purtroppo o per fortuna...
Grillo lo sa ma si è già sbilanciato troppo ed ora cerca di riparare con informazioni sempre di contorno rispetto al centro del problema.

Eliolibre ha detto...

Diciamo che se la spassano allegramente.... E come diceva il grande Totò: E io pago!

zeno ha detto...

http://it.youtube.com/watch?v=rXPS7lw7qyg

webmaster ha detto...

posso assicurare, per esperienza diretta, che la totalità degli impiegati, dei funzionari e dirigenti di banca, compresi direttori generali e presidenti, che non sanno assolutamente nulla del signoraggio.
io sono 35 anni che lavoro in banca, e faccio molta fatica a capirlo (per lo meno per come viene di solito proposto in questi contesti); mi è abbastanza chiaro il signoraggio "reale" sulla stampa delle banconote da parte della BCE e sul fatto che tale introito (peraltro non ancora distribuito dalla BCE alle banche nazionali) andrebbe a beneficio di soggetti privati invece che della collettività... ma per quanto criticabile, parliamo di cifre relativamente contenute.

Non credo proprio che Travaglio sia tenuto a conoscere / capire questi meccanismi.

e.talpa ha detto...

Ciao,
io ho appena ordinato il tuo ultimo libro sulla massoneria e dopo aver letto questo post se dovessi dar retta alle emozioni invece che alla ragione direi che sono pentito di averlo fatto.

Non sono un fan sfegatato di Travaglio. Ne vedo lati positivi (es. l'opera di informazione che fa) e lati negativi (es. la sua opinione su israele; per inciso penso che la maggior parte delle persone che ha opinioni anti-palestinesi non sia pagata dal potere, ma semplicemente abbia delle opinioni che io giudico errate).

Ora mi chiedo e chiedo ad Antonella: che senso hanno questi post e queste campagne mirate contro una persona? Viene il sospetto che siano dettate da livore e invidia verso chi ha più "fama".

Chi può davvero avercela con una data persona solo perché questa non dice certe verità scomode? Solo chi pretende che quella persona sia un santo onnipotente pronto ad occuparsi di tutti i problemi da paladino di giuste cause. Voi che criticate Travaglio per ciò che non dice fate l'errore che addebitate (giustamente) a chi fosse un suo fan acritico!

Io che ho un caratteraccio avrei mandato a quel paese il molestatore con la telecamera molto prima.

Antonella scusa, magari lo fai e sono io che lo ignoro, ma tu parli forse tutti i giorni di sudamerica, clima, grandi opere, ecc ecc? O ammettiamo che sarebbe umanamente impossibile, oppure dovremmo dare anche a te della venduta al potere?

Infine, per favore discutiamo delle cose che vengono dette (ciò che Travaglio dice e non dice) e non delle persone che (non) le dicono (Travaglio). Altrimenti si passa da osservazioni costruttive a battaglie personalistiche.

Voglio vedere quando verrà approvato questo commento ;D

Antonella Randazzo ha detto...

Non si può essere d'accordo su tutto, rispetto il suo punto di vista - anche se è alquanto confuso e col tono di chi crede di avere la verità in tasca e dunque di poter "correggere" gli altri, - e chiedo cortesemente di rispettare il mio. Ho scritto già ampiamente e in altri luoghi di questo blog quello che penso dei giornalisti che si spacciano per "indipendenti" ma ingannano le persone. Se le interessa vada a leggere questi post.
Ad ogni modo, su questo blog non c'è l'abitudine di convincere gli altri del proprio punto di vista, e tanto meno di inviare libri a chi non li desidera.
Dunque, se non desidera ricevere il libro ci scriva e non lo spediremo. Aggiungiamo che allo stato attuale non ci è pervenuto alcun ordine di persone della sua località.
Grazie

P. S. se fossi "venduta" al potere starei in Tv nei programmi in prima serata e scriverei nelle testate ufficiali. E non parlerei di "signoraggio", del potere imperiale americano e di molte altre cose.